guercino

locandina evento

Sabato 8 marzo 2014, in occasione della Festa della Donna, la Pinacoteca Nazionale di Bologna propone due incontri per scoprire alcune figure meno note di pittrici e artiste bolognesi del Seicento e dell'Ottocento.
 
Alle 16.30 in Aula Gnudi
Angelo Mazza terrà la conferenza:
Angela Teresa Muratori "inclinata al suono, al canto e alla pittura".
Un disegno per la Pinacoteca Nazionale.

Un filo rosso unisce in un cenacolo appartato le donne pittrici a Bologna tra Sei e Settecento, sotto il segno della celebrazione letteraria e di tono leggendario di Elisabetta Sirani. Tra le figure principali è Angela Teresa Muratori, diciassettenne nel 1678 quando Carlo Cesare Malvasia ne segnalò le precoce attività nella sua Felsina Pittrice. Formatasi dapprima presso Emilio Taruffi collaboratore stretto di Carlo Cignani e quindi nella bottega di Lorenzo Pasinelli e infine in quella del suo allievo Gian Gioseffo dal Sole, la giovane si inserì nel giro delle committenze ecclesiastiche e collocò propri dipinti in numerose chiese bolognesi.
“Inclinata al suono, al canto ed alla pittura” come riportano testimonianze coeve, compose inoltre oratori in musica che furono rappresentati nella chiesa dei Filippini.

L’attribuzione alla pittrice del disegno donato dalla Società di Santa Cecilia si fonda sullo stretto rapporto con la bella Annunciazione eseguita entro il 1704 per la chiesa del Monastero della Santissima Trinità; disegno rarissimo, dal tratto leggero e delicato, in bilico tra la nobiltà accademica di Carlo Cignani e le musicali raffinatezze di Lorenzo Pasinelli.

L'incontro si inserisce nell'ambito dell'esposizione:
Disegni in collezione
La Società di Santa Cecilia per il Gabinetto Disegni e Stampe della Pinacoteca Nazionale di Bologna
a cura di Elena Rossoni
Pinacoteca di Bologna 7 dicembre - 23 marzo
Per informazioni sull'esposizione disegni > vai alla news


Alle 17.15 nelle Sale degli Incamminati
Fabia Farneti e Ilaria Chia, presentazione del volume:
Pittrici bolognesi. Donne e professioniste nel primo Ottocento: Carlotta Gargalli, Anna Mignani, Maria Crescimbeni  di Ilaria Chia e Giovanni Tamarri (Bologna, 2013)

Carlotta Gargalli, Anna Mignani, Maria Crescimbeni: tre storie di donne che ebbero in comune la stessa passione per la pittura e per l'arte, tre artiste rimaste nell'ombra, tra le tante figure femminili che, soprattutto a partire dall'Ottocento, si sono dedicate all'arte con passione, ma spesso da 'dilettanti'. Un riflesso della condizione femminile, che di rado concedeva alle donne la possibilità di esercitare la professione allo stesso livello degli uomini. Tre figure molto moderne che ebbero l'opportunità, conciliando famiglia e professione, di vivere delle loro stesse passioni, dimostrando che l'arte a Bologna, anche nella prima metà del XIX secolo, non fu esclusivo appannaggio dei colleghi uomini.
 
Carlotta Gargalli fu una delle pochissime donne a frequentare i corsi dell'Accademia di Belle Arti, fino ai decenni conclusivi dell'Ottocento riservati quasi esclusivamente agli uomini, ed è presente con l'opera Aiace che si salva su uno scoglio (1814) alla mostra:
'800B  L'Ottocento a Bologna nelle collezioni del MAMbo e della Pinacoteca Nazionale
a cura di Emanuela Fiori e Barbara Secci
Pinacoteca di Bologna 23 gennaio - 27 aprile