Autore
Crespi Giuseppe Maria
(Bologna 1665-1747)
sala
28
Numero d'inventario
10015
Titolo
Provenienza
in deposito dal Conservatorio del Baraccano, già  nella Chiesa di San Giacomo de' Carbonesi
Misure
330x224
Tecnica
tela
Anno

Il dipinto è già  segnalato dallo Zanotti nella Guida di Bologna del 1732 con assegnazione a Luigi Crespi, allora poco più che ventenne; ma si tratta di una concessione al desiderio del padre di lanciare il figlio Luigi in una fulgida carriera di artista.
L'opera porta infatti i segni di un larghissimo intervento di Giuseppe Maria, mentre il ruolo di Luigi andrà  riconosciuto nell'abbozzo iniziale e nella stesura pittorica della parte superiore.