Autore
Pasinelli Lorenzo
(Bologna, 1629 – 1700)
sala
30
Numero d'inventario
20
Lorenzo Pasinelli - Santa Caterina d'Alessandria
Titolo
Provenienza
Bologna, convento di San Giovanni Battista dei Celestini, camera del curato
Misure
cm 75,5x62,5
Tecnica
tela
Anno
1665 / 1670

Assieme alla Sant’Agnese che legge (inv. 18) e alla Santa Cecilia all’organo (inv. 15), fa parte di un gruppo di quattro dipinti dedicati a sante martiri pervenuti in Pinacoteca a seguito delle soppressioni napoleoniche (il quarto, raffigurante Santa Margherita, è oggi in collezione privata a Reggio Emilia). Differenze stilistiche tra le tele fanno escludere l’ipotesi di una serie unitaria e fanno pensare a tempi diversi di esecuzione. In particolare, nella Santa Caterina sono da rilevare l’eleganza misurata dei gesti e la materia pittorica densa e vivace, mentre la” fissità iconografica” rimanda ai modelli di Ludovico Carracci e di Guido Reni.

L’opera sostituisce la Madonna e il Bambino con ghirlanda di fiori di Daniel Seghers ed Erasmus Quellinus II (inv. 205), attualmente in prestito alla mostra Paragone antico contemporaneo (San Leo, Fortezza Rinascimentale, 2 luglio-6 novembre 2016).