strage

La Pinacoteca Nazionale di Bologna nasce nel 1808 come quadreria dell’Accademia di Belle Arti, l’istituto d’istruzione sorto dalle ceneri della settecentesca Accademia Clementina. L’antico nucleo, proveniente dall’Istituto delle Scienze, fu in seguito arricchito dalla straordinaria raccolta di quasi mille dipinti frutto delle soppressioni di chiese e conventi compiute dopo l’ingresso delle truppe napoleoniche a Bologna, tra il 1797 e il 1810, e nuovamente a seguito delle soppressioni del 1866 attuate dal nuovo stato italiano.

Nella sede distaccata di Palazzo Pepoli Campogrande è possibile ammirare le sale splendidamente affrescate dai principali protagonisti della grande decorazione bolognese tra la seconda metà del Seicento e gli inizi del secolo successivo: il Salone d’onore con la trionfale Apoteosi di Ercole di Canuti, la Sala di Felsina con le pitture composte e aggraziate dei fratelli Rolli, le sale delle Stagioni e dell’Olimpo, dove l’irriverente Giuseppe Maria Crespi contamina la decorazione celebrativa con i modi della pittura di genere, l’elegante classicismo della Sala di Alessandro di Donato Creti. Gli ambienti del piano nobile di Palazzo Pepoli Campogrande ospitano alle pareti alcuni dipinti della quadreria Zambeccari, la ricca collezione destinata alla pubblica fruizione a fine Settecento dal marchese Giacomo Zambeccari ed entrata a far parte delle raccolte della Pinacoteca nel 1884.

 

Canova scuole e famiglie

Nell'ambito della mostra "Antonio Canova e Bologna. Alle origini della Pinacoteca" il Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’arte dell’Accademia di Belle Arti di Bologna propone uno speciale programma di attività educative rivolte alle famiglie e alla Scuola Primaria.
Un’occasione imperdibile per avvicinarsi allo straordinario patrimonio artistico della Pinacoteca attraverso un racconto animato dove l’incontro con l’arte diventa un’esperienza conoscitiva e creativa.


Per le famiglie:
Canova alla riscossa
Uno speciale racconto animato coinvolgerà bambini e famiglie nella scoperta dell’incredibile avventura che ha come protagonisti Napoleone, Antonio Canova e alcuni tra i più importanti capolavori della Pinacoteca da lui riportati a Bologna. Il percorso sarà condotto dalle studentesse del Biennio di Didattica dell’Arte e Mediazione culturale del Patrimonio Artistico dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Quando
domenica 19 dicembre 2021, domenica 16, 23 e 30 gennaio 2022
Durata dell’attività
90 minuti (dalle 16.00 alle 17.30)
A chi si rivolge
Bambine e bambini dai 6 agli 11 anni e famiglie - max. 12 bambini + 1 adulto accompagnatore ogni bambino.
Prenotazione obbligatoria
Scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando i nominativi di tutti i partecipanti all’attività e attendere la conferma di avvenuta prenotazione.
Attività inclusa nel costo del biglietto di ingresso.

Per le scuole:
L’incredibile impresa di Antonio Canova
Un percorso suggestivo e coinvolgente per conoscere la figura di Antonio Canova in relazione ad alcuni tra i più grandi capolavori della Pinacoteca. Uno speciale racconto animato permetterà a bambine e bambini di rivivere le tappe principali della sua importantissima missione: riportare quasi 300 opere d’arte dalla Francia all’Italia. Un’avventura incredibile, ricca di imprevisti e colpi di scena, ci consentirà di scoprire, alla fine, che l’arte e la bellezza appartengono a tutti e che ognuno di noi è un capolavoro.
Quando
ogni mercoledì mattina dal 19 gennaio al 16 febbraio 2022
Durata dell’attività
90 minuti (dalle 9.30 alle 11.00 e dalle 11.00 alle 12.30)
A chi si rivolge
Scuola Primaria
Prenotazione obbligatoria
scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando scuola, classe, numero di studenti, nominativo e cellulare dell’insegnante referente e data tra quelle disponibili e attendere la conferma di avvenuta prenotazione.
Attività gratuita.