Immagine testata web carracci

La Pinacoteca Nazionale di Bologna nasce nel 1808 come quadreria dell’Accademia di Belle Arti, l’istituto d’istruzione sorto dalle ceneri della settecentesca Accademia Clementina. L’antico nucleo, proveniente dall’Istituto delle Scienze, fu in seguito arricchito dalla straordinaria raccolta di quasi mille dipinti frutto delle soppressioni di chiese e conventi compiute dopo l’ingresso delle truppe napoleoniche a Bologna, tra il 1797 e il 1810, e nuovamente a seguito delle soppressioni del 1866 attuate dal nuovo stato italiano.

Nella sede distaccata di Palazzo Pepoli Campogrande è possibile ammirare le sale splendidamente affrescate dai principali protagonisti della grande decorazione bolognese tra la seconda metà del Seicento e gli inizi del secolo successivo: il Salone d’onore con la trionfale Apoteosi di Ercole di Canuti, la Sala di Felsina con le pitture composte e aggraziate dei fratelli Rolli, le sale delle Stagioni e dell’Olimpo, dove l’irriverente Giuseppe Maria Crespi contamina la decorazione celebrativa con i modi della pittura di genere, l’elegante classicismo della Sala di Alessandro di Donato Creti. Gli ambienti del piano nobile di Palazzo Pepoli Campogrande ospitano alle pareti alcuni dipinti della quadreria Zambeccari, la ricca collezione destinata alla pubblica fruizione a fine Settecento dal marchese Giacomo Zambeccari ed entrata a far parte delle raccolte della Pinacoteca nel 1884. 

 

AVVISI

  • A causa di un guasto all'ascensore, l'ingresso al museo è consentito solo attraverso le scale. Ci scusiamo per l'inconveniente.
    Due to a fault in the lift, entry to the museum is only possible via the stairs. We apologise for the inconvenience.

  • Avviso volto alla ricognizione del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 20, comma 2, del D. Lgs. 25 maggio 2017, n. 75 e ss.mm.ii., rubricato “Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni”. Rilevazione dati. >> consulta l'avviso sul sito del Ministero della Cultura

 

Laura Bassi 1 giugno 2023

Giovedì 1 giugno 2023 dalle ore 10.30 alle ore 14.00, nella Sala degli Affreschi di Mezzaratta si terrà la performance “Anime”, elaborata e interpretata dagli studenti della classe 4G del Liceo Laura Bassi di Bologna, Indirizzo Scienze Umane, Corso DOC - Corso Documentaristico Cinematografico. La performance verrà replicata ad intervalli di 30 minuti, l'ingresso è libero e compreso nel costo del biglietto.

Si tratta della conclusione di un percorso ideato e coordinato dalla prof.ssa Maria Previto in stretta collaborazione con la prof.ssa Lucia Lanzarini e il professor Michele Fortunato (docenti del Liceo Laura Bassi), che ha visto coinvolti la dottoressa Liliana Geltrude (Servizi educativi della Pinacoteca) e la coreografa e performer Anna Albertarelli.

Durante la prima fase del percorso la Pinacoteca Nazionale di Bologna ha accolto settimanalmente gli studenti del Liceo Laura Bassi, i quali hanno avuto modo di stupirsi e di scoprire la bellezza a diretto contatto con le opere e con i luoghi deputati all’arte, attraverso una pratica di didattica attiva. Hanno vissuto esperienze estetiche e hanno giocato con l’arte impiegando la parola, i gesti, le azioni, investiti di rimandi simbolici, per divenire infine autori e interpreti di nuove creazioni: “anime”.

Nella seconda parte del percorso, condotto dalla coreografa Albertarelli, le intuizioni e le azioni hanno preso forma, sono state legate le une alle altre, dando vita ad un insieme coreografico complesso.

Si è trattato di un processo creativo che ha innescato educazione trasversale, dibattiti culturali ed è stato il luogo dove il corpo, il gruppo, la condivisione, la cooperazione, la creatività, gli strumenti della performing art hanno dato origine a senso critico, cambiamento, crescita personale e intellettuale.