Immagine testata web carracci

La Pinacoteca Nazionale di Bologna nasce nel 1808 come quadreria dell’Accademia di Belle Arti, l’istituto d’istruzione sorto dalle ceneri della settecentesca Accademia Clementina. L’antico nucleo, proveniente dall’Istituto delle Scienze, fu in seguito arricchito dalla straordinaria raccolta di quasi mille dipinti frutto delle soppressioni di chiese e conventi compiute dopo l’ingresso delle truppe napoleoniche a Bologna, tra il 1797 e il 1810, e nuovamente a seguito delle soppressioni del 1866 attuate dal nuovo stato italiano.

Nella sede distaccata di Palazzo Pepoli Campogrande è possibile ammirare le sale splendidamente affrescate dai principali protagonisti della grande decorazione bolognese tra la seconda metà del Seicento e gli inizi del secolo successivo: il Salone d’onore con la trionfale Apoteosi di Ercole di Canuti, la Sala di Felsina con le pitture composte e aggraziate dei fratelli Rolli, le sale delle Stagioni e dell’Olimpo, dove l’irriverente Giuseppe Maria Crespi contamina la decorazione celebrativa con i modi della pittura di genere, l’elegante classicismo della Sala di Alessandro di Donato Creti. Gli ambienti del piano nobile di Palazzo Pepoli Campogrande ospitano alle pareti alcuni dipinti della quadreria Zambeccari, la ricca collezione destinata alla pubblica fruizione a fine Settecento dal marchese Giacomo Zambeccari ed entrata a far parte delle raccolte della Pinacoteca nel 1884.  

Sito festa della musica 2024

La Pinacoteca nazionale di Bologna partecipa anche quest'anno alla Festa della musica e il 21 giugno 2024 alle 21 presenta, nel cortile del Terribilia, il concerto del Trio The Song Is You. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. 

BPF 2024 bis

In occasione del Bologna Portici Festival la Pinacoteca nazionale di Bologna ospita due appuntamenti organizzati in collaborazione con il Teatro comunale di Bologna e il Liceo Laura Bassi.

Martedì 4 giugno alle ore 20.30 nel chiostro del Terribilia si terrà il concerto "InCanto" del Coro voci bianche & Coro Giovanile del Teatro Comunale di Bologna, con la direzione di Alhambra Superchi e Alessandro Trebeschi al pianoforte. 

Giovedì 6 giugno alle ore 19.00 (replica alle ore 19.45) nel chiostro del Terribilia, viene presentata la performance Tempore forme sacred, degli allievi del corso documentaristico cinematografico del liceo Laura Bassi.

Conferenza 800 sito

Il 19 giugno 2024 alle ore 17.00 nell’Aula Gnudi della Pinacoteca nazionale di Bologna si terrà la conferenza Uno sguardo sulla pittura e sulla grafica dell'Ottocento bolognese nelle collezioni della Pinacoteca nazionale di Bologna, con Emanuela Fiori e Alessandro Zacchi. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. 

ex chiesa san mattia 1

In occasione della Notte Europea dei Musei, sabato 18 maggio 2024 la Pinacoteca nazionale di Bologna, Palazzo Pepoli Campogrande e l’ex chiesa di San Mattia osserveranno un'apertura serale straordinaria dalle ore 20 alle ore 23 con ingresso al costo simbolico di 1€ (fatte salve le gratuità di legge). Sono inoltre previste due visite guidate alle ore 20.30.

AFAV giugno 2024

Nel mese di giugno il personale di accoglienza dei Musei nazionali di Bologna accompagna il pubblico in due visite guidate alla scoperta delle opere e degli affreschi di Palazzo Pepoli Campogrande. Le attività di approfondimento saranno anche una delle ultime occasioni per visitare il palazzo, che a partire dall’1 luglio 2024 sarà chiuso al pubblico a causa di importanti interventi di manutenzione.

cappelletti2

La Pinacoteca nazionale di Bologna ospita il 21 maggio alle 17.00 nell’Aula Cesare Gnudi la presentazione del volume LE BELLE. Ritratti femminili nelle stanze del potere di Francesca Cappelletti (Mondadori 2024).

L’autrice, direttrice della Galleria Borghese di Roma, accompagnerà il pubblico in un affascinante viaggio attraverso il ritratto femminile e il ruolo della donna dialogando con la direttrice della Pinacoteca Maria Luisa Pacelli, la storica dell’arte Vera Fortunati e con l’artista SissiIngresso libero con prenotazione obbligatoria.