Immagine testata web carracci

La Pinacoteca Nazionale di Bologna nasce nel 1808 come quadreria dell’Accademia di Belle Arti, l’istituto d’istruzione sorto dalle ceneri della settecentesca Accademia Clementina. L’antico nucleo, proveniente dall’Istituto delle Scienze, fu in seguito arricchito dalla straordinaria raccolta di quasi mille dipinti frutto delle soppressioni di chiese e conventi compiute dopo l’ingresso delle truppe napoleoniche a Bologna, tra il 1797 e il 1810, e nuovamente a seguito delle soppressioni del 1866 attuate dal nuovo stato italiano.

Nella sede distaccata di Palazzo Pepoli Campogrande è possibile ammirare le sale splendidamente affrescate dai principali protagonisti della grande decorazione bolognese tra la seconda metà del Seicento e gli inizi del secolo successivo: il Salone d’onore con la trionfale Apoteosi di Ercole di Canuti, la Sala di Felsina con le pitture composte e aggraziate dei fratelli Rolli, le sale delle Stagioni e dell’Olimpo, dove l’irriverente Giuseppe Maria Crespi contamina la decorazione celebrativa con i modi della pittura di genere, l’elegante classicismo della Sala di Alessandro di Donato Creti. Gli ambienti del piano nobile di Palazzo Pepoli Campogrande ospitano alle pareti alcuni dipinti della quadreria Zambeccari, la ricca collezione destinata alla pubblica fruizione a fine Settecento dal marchese Giacomo Zambeccari ed entrata a far parte delle raccolte della Pinacoteca nel 1884.  

Sibilla Cumana

Giovedì 30 giugno e giovedì 14 luglio 2022 la Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande saranno aperti dalle ore 20.00 alle ore 23.00.

Per entrambe le serate, alle ore 21.00 presso la Pinacoteca Nazionale è stata programmata una visita guidata intorno alla Sibilla Cumana di Domenichino, opera concessa in prestito dalla Galleria Borghese di Roma in relazione a una progettualità di scambi e iniziative comuni tra i due musei. La Sibilla Cumana sarà ospitata presso la Pinacoteca fino al 31 luglio 2022.  

Prenotazione obbligatoria solo per la partecipazione alle visite guidate, scrivendo a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

Notte europea dei musei 2022

Sabato 14 maggio 2022 in occasione della Notte euopea dei musei, la Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande prolungheranno il loro orario di apertura sino alle ore 22.00: l'ingresso, a partire dalle ore 19.00, avverrà con l'acquisto di un biglietto al costo simbolico di 1 euro (sono fatte salve le gratuità di legge).

domeniche gratuite

Domenica 7 luglio 2024 la Pinacoteca Nazionale di Bologna sarà aperta dalle ore 9.00 alle ore 19.00, con ingresso libero per tutti i visitatori nell’ambito dell’iniziativa del Ministero della Cultura “Domenica al Museo”.

On Sunday, July 7, 2024, the Pinacoteca Nazionale di Bologna will be open from 9 a.m. to 7 p.m., with free admission for all visitors as part of the Ministry of Culture's "Sunday at the Museum" initiative. 

benni 

La Pinacoteca Nazionale di Bologna ospita Stultifera, grande opera performativa concepita da Benni Bosetto in occasione di Art City 2022.

Stultifera si ispira a La nave dei folli di Sebastian Brant, l’opera satirica apparsa nel 1494 in cui una nave gremita di folli salpa in mare per raggiungere il paradiso dei folli, concludendosi in un tragico naufragio.
L’opera si struttura come un complesso pastiche artistico in cui frammenti di opere letterarie, teatrali, cinematografiche, componimenti musicali classici e folkloristici, riferimenti alla danza medievale di corte, a quella amatoriale, alle danze propiziatorie e infine agli happening e alla body art, assumono una nuova forma.

Orari: giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 maggio h 16.30 e h 18 (due repliche al giorno)
Ingresso gratuito, posti limitati su prenotazione a partire dal 7 maggio a questo link
I partecipanti dovranno indossare una mascherina di tipo FFP2. 

In occasione di Art City, l'accesso alla Pinacoteca Nazionale di Bologna sarà gratuito dalle ore 14.00 alle ore 19.00 di giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 maggio 2022. 
La Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande saranno aperti inoltre sabato 14 maggio dalle ore 19.00 alle ore 22.00 e l'ingresso avverrà con biglietto al costo simbolico di 1 euro nell’ambito della “Notte europea dei Musei”. 

 

Foto mezzarattaIn occasione della Festa della Musica, martedì 21 giugno 2022 la Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande saranno aperti dalle ore 20.00 alle ore 23.00.
Presso la Sala di Mezzaratta della Pinacoteca si terrà un evento musicale in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Giovan Battista Martini” di Bologna, che prevederà due repliche alle ore 20.20 e alle ore 21.30, precedute da una breve presentazione al pubblico del ciclo pittorico proveniente dalla chiesa di Santa Maria di Mezzaratta da parte di Jadranka Bentini, Presidente del Conservatorio di Bologna.

La Pinacoteca Nazionale di Bologna offre la possibilità di svolgere tirocini previa stipula di apposita convenzione con l’Università di appartenenza.
Le attività si rivolgono in particolare ai laureandi e agli studenti delle scuole di specializzazione.
Le candidature potranno pervenire, accompagnate dal curriculum vitae e da una lettera motivazionale, all’indirizzo mail:
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

AVVISO: Attività di tirocinio curricolare non retribuito per l’anno accademico 2023/2024 nell’ambito dei Servizi educativi e mediazione del patrimonio.

L’attività formativa ha come obiettivo l’acquisizione di competenze nella valorizzazione del patrimonio culturale, nella progettazione e promozione di azioni educative e predisposizione di materiali didattici.

Attività di tirocinio:

  • Progettazione attività di educazione e mediazione culturale partendo dall’analisi delle dinamiche e degli strumenti divulgativi e comunicativi al patrimonio culturale
  • Sviluppo di progetti e attività di supporto nella attività di mediazione
  • Produzione di materiale educativo-didattico anche in formato multimediale
  • Definizione di percorsi dedicati all’accessibilità e all’inclusione
  • Attività di supporto nelle relazioni con le scuole, le associazioni, e gli enti del territorio
  • Partecipazione ai laboratori e alle proposte educative
  • Predisposizione e archiviazione della documentazione sulle attività e le proposte formative

Competenze richieste:

  • Conoscenza della storia dell’arte, con particolare riferimento all’arte moderna
  • Nozioni di museologia e didattica dell’arte
  • Capacità di lavoro in gruppo
  • Capacità di organizzazione e gestione autonoma dei compiti

Destinatari:

  • Studenti iscritti a corsi di laurea magistrale in Conservazione e gestione dei Beni culturali, Arti visive, Accademia di Belle Arti con indirizzo Didattica e Comunicazione dell’Arte, studenti delle Scuole di Specializzazione in Storia dell’Arte, studenti di Master di I e II livello per Educatore Museale o indirizzi similari.

Invio domanda:

  • La domanda dovrà essere inviata, corredata da curriculum vitae e da un’autodichiarazione con indicazione degli esami sostenuti, all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. entro il 31 ottobre 2023 alle ore 12.00.

Scelta dei candidati:

  • La selezione dei candidati avverrà secondo il seguente ordine di priorità:
  • Iscrizione al corso di studio di livello più alto (in ordine: dopo laurea – laurea magistrale – laurea triennale)
  • Durata del tirocinio (monte ore disponibile)
  • Esperienze pregresse e curriculum vitae

Svolgimento del tirocinio:

  • Il tirocinio si svolgerà presso la sede della Pinacoteca Nazionale di Bologna, via delle Belle Arti n. 56, dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 18:30 per un massimo di 6 ore al giorno nel periodo da ottobre 2023 a maggio 2024.

Durata:

  • La durata del tirocinio è vincolata a quanto espressamente previsto dal corso di studio frequentato.

 

L’avvio del tirocinio è subordinato all’attivazione da parte di questo ufficio di una convenzione con l’Istituto/Università di appartenenza.

Il tirocinio non configura in alcun modo un rapporto di lavoro e non è retribuito.

SCARICA L'AVVISO IN PDF